Ricorso di Bayer VS Ministero della Salute, MEF e AIFA sui nuovi criteri di P&R – La sentenza del Consiglio di Stato

Il 7 gennaio 2022 è stata emessa la sentenza del Consiglio di Sato (15 marzo 2021, n. 3095) sul ricorso presentato da Bayer contro il Ministero della Salute, Ministero dell’Economia e delle Finanze, Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) per l’annullamento del Decreto del Ministero della Salute 2 agosto 2019 recante “Criteri e modalità con cui l’Agenzia Italiana del farmaco determina, mediante negoziazione i prezzi dei farmaci rimborsati dal Servizio Sanitario Nazionale” e delle Linee guida per la compilazione del Dossier a supporto della domanda di rimborsabilità e prezzo di un medicinale ai sensi del DM 2 agosto 2019 – versione 1.0 – 2020.

Le censure di Bayer poggiavano su due argomentazioni:

    • La cattiva qualità della regolazione che si limita a riprodurre il contenuto di fonti primarie, senza introdurre alcuna innovazione;
    • Il DM conterrebbe delle “norme regolamentari in bianco” che consentono ad AIFA di agire in modo svincolato, senza poter prevedere i criteri di azione amministrativa.

 

Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso in appello di Bayer, confermando la sentenza di primo grado. In quanto i provvedimenti impugnati hanno valore generale ed astratto ossia regolano nel complesso il procedimento di negoziazione del prezzo dei farmaci e, pertanto, non sono idonei a produrre una “lesione concreta ed attuale” che è requisito imprescindibile per l’impugnazione giurisdizionale dei provvedimenti amministrativi.

 

Please wait while flipbook is loading. For more related info, FAQs and issues please refer to DearFlip WordPress Flipbook Plugin Help documentation.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *